L’educazione come trasmissione di senso

Tra tutti gli esseri viventi l’uomo è quello che ha più bisogno di educazione. Alcune specie già alla nascita sanno camminare; i nostri cuccioli impiegano ca. un anno. Il cervello umano mostra una plasticità eccezionale: ancora durante l’adolescenza i circuiti neurali non completamente formati sono ancora adattabili per imparare nuovi fonemi.

A ciò si aggiunga che l’umanità ha stratificato i suoi insegnamenti in una memoria storica. Educare ci è naturale.

L’educazione tocca i grandi temi della libertà, dei valori, del sapere e della persona. Temi sottoposti sempre più a radicali trasformazioni. Considerando la velocità di questi cambiamenti si comprende perché il rapporto educativo sia anche la cartina di tornasole delle nostre contraddizioni epocali. Inoltre l’educazione è diventata un campo di conquista di attori che prima non esistevano e che entrano nelle nostre case attraverso canali che non richiedono la cortesia di bussare alla porta.

Da sempre sono esistiti enti educativi esterni alla famiglia (la scuola per esempio) accanto ad enti educativi in cui non si riconosce immediatamente un’intenzionalità come la moda, la musica, la televisione ecc.

Fanno parte di un dispositivo ampio che silenziosamente dispone i soggetti, educa senza farsi riconoscere e per questo è più difficile da decifrare. Oggi ne fanno parte anche i social. Cosa significa per un adolescente gestire le proprie relazioni su WhatsApp, la propria identità digitale su Instagram? Passare il pomeriggio al centro di un sistema di comunicazione molto diverso dallo spazio di un oratorio o di un campetto? Che tipo di soggetto questi strumenti predispongono? Non è peregrino pensare che la questione del gender attraversi il modo di mostrarsi sui social in cui il corpo non è materialmente presente. Come queste pratiche ci educano? Quali interessi muovono colossi finanziari a regalare servizi così costosi per far chattare i nostri figli? Questi mezzi sanno meglio di noi quando destargli l’attenzione con una notifica.

Tuttavia questo potente “guinzaglio elettronico” glielo abbiamo indossato noi. Il punto di inserzione di questi dispositivi sociali e pedagogici è sempre stato un nostro bisogno. Non hanno bussato alla nostra porta, perché li abbiamo fatti entrare noi.

Possiamo riconoscervi la premonizione di A. Huxley: “Una prigione senza muri in cui i prigionieri non sognano di evadere. Un sistema di schiavitù nel quale, grazie al consumismo e al divertimento, gli schiavi amano la loro schiavitù”.

Oppure possiamo con più “plasticità” non rinunciare ad educare e fare ciò che l’uomo, a differenza delle altre specie sa fare: dare senso, riconoscere quando sono utili e quando no, insieme. Solo così l’educazione sarà umanizzazione e non manipolazione. Ogni atto educativo consiste nel dare senso, dare valore facendo germogliare quello che domani chiameremo “umano”.

Marco Battaglia

Lascia un commento

Iscriviti alla newsletter

0:00 / 0:00
L'ingrediente misterioso

Oltre al rosario quotidiano delle 8.15, nel mese di maggio vengono proposti 4 appuntamenti serali, alle ore 21, in zone diverse del quartiere, che possono anche diventare momenti di condivisione e amicizia.

Pre-iscriviti regolarmente alle settimane di Oratorio Estivo in cui vorresti fare l’animatore, seguendo la procedura descritta in questa pagina. Verrai poi contattato per il corso di Formazione Animatori.

Oratorio Estivo 2024

I Martedì... fuori!

Le escursioni sono parte integrante del programma di Oratorio Estivo per le medie: per chi non partecipa non sono previste attività alternative in oratorio. Il costo di ogni escursione e di €15.

Il programma potrebbe subire variazioni.

Oratorio Estivo 2023

I Giovedì special

Queste attività sono a costo zero.

  • Giovedì 15 giugno

    SI SELFIE CHI PUÒ!

  • Giovedì 22 giugno

    BICICLETTATA

  • Giovedì 29 giugno

    GANlimpiadi

  • Giovedì 6 luglio

    MANGA CLIMBING

  • Giovedì 13 luglio

    CACCIA AL TESORO

Consiglio Pastorale

Alessandro Bardelli
Angela Albini
Aurora Abbascià
Carlo Modica
Emanuela Bonaccorso
Fabio Perizzolo
Francesca Fontana
Franco Cella
Giuseppe Gallo
Luisa Elia
Marco Fiore
Marino de Stena
Miriam De Marinis
Palma Lovino
Paola Piacenti
Paolo Savino
Pier Paolo Citro
Simonetta Barbieri
Ugo Cavallaro

Vita da spiaggia, animazione ed escursioni via mare in una delle incantevoli località nelle vicinanze (Portofino, San Fruttuoso, ….) sono gli ingredienti di questa imperdibile vacanza. Il tutto in un contesto di “amicizia nella fede” che garantisce inclusività e attenzione all’altro.

La casa per ferie Ferienheim Fölserhof, immersa nel verde e dotata di tutti gli spazi e le attrezzature (inclusa la piscina) adatte a far vivere ai bambini una vacanza divertente e a contatto con la natura. Quest’anno i pullman possono raggiungere l’ingresso della struttura e parcheggiare nelle sue immediate vicinanze.

Attività Gruppo Certa Età

Iniziative in calendario fino a Dicembre 2023

  • mercoledì 18 ottobre

    Rosario con merenda

  • domenica 22 ottobre

    Torneo di Burraco

  • mercoledì 25 ottobre

    Pranzo dell'anniversario

  • mercoledì 8 novembre

    Gita culturale in centro

  • mercoledì 15 novembre

    Pranzo d'autunno

  • mercoledì 22 novembre

    Catechesi di Avvento

  • mercoledì 13 dicembre

    Confessioni di Natale

  • mercoledì 20 dicembre

    pranzo di Natale