2 dicembre

San Giuseppe

tra REALTÀ e LEGGENDA

Si narra che San Giuseppe dovesse recarsi da Ismaele, sulle montagne di Hebron, per recuperare un carico di legname che gli era indispensabile per lavorare. Egli, però, aveva raccolto solo la metà del denaro necessario per pagarlo.

Allora Maria, sua sposa gli disse: “Chiederò un prestito a parenti e amici“. E così fece, ma non riuscì a farsi dare neanche una moneta. “L’ho chiesto in varie case e tutti si sono scusati. Non ci sono soldi altrimenti ce li avrebbero dati.” E continuò: “Ho pensato che potresti lasciare a Ismaele, come pegno, il mantello che ti ho donato il giorno del nostro matrimonio…”.

In mancanza di altre soluzioni, Giuseppe prese con sé il mantello e partì.

Ismaele era un uomo dal carattere difficile, avaro e attaccato al denaro e Giuseppe, conoscendolo, aveva paura di dirgli di non avere denaro sufficiente, ma sperava che avrebbe accettato il pegno.

Arrivato da Ismaele, Giuseppe gli spiegò la situazione, ricordandogli come fino ad allora lo avesse sempre pagato, promettendogli di pagarlo al più presto con il guadagno del suo lavoro e proponendogli di accettare come pegno il suo mantello.

Ismaele in un primo momento protestò, e fu sul punto di rompere il contratto, ma poi decise di accettare la proposta di Giuseppe che, grato e felice, scelse i tronchi, li caricò sul carro e tornò alla sua bottega.

Bisogna sapere che Ismaele da tempo soffriva di ulcere agli occhi, e nonostante medici e medicine non era mai riuscito a risolvere il problema. Ebbene, il mattino dopo la partenza di Giuseppe, si svegliò completamente guarito. L’uomo si stupì, non capendo come potesse essere successo e raccontò quanto accaduto a sua moglie Eva. Questa era una donna dal temperamento forte e litigioso, e, da quando aveva sposato Ismaele, la loro vita non aveva mai trovato pace e tranquillità. Eppure, quella mattina, anche lei si era svegliata trasformata, mite come un agnello.

Ismaele si interrogava su cosa avesse potuto provocare questi cambiamenti e giunse alla conclusione che il merito dovesse essere del mantello di Giuseppe. “Da quando l’ho messo sulle spalle, tutto sembra cambiato” si diceva.

Più tardi accadde un altro episodio prodigioso: mentre Ismaele era a letto, sentì un rumore provenire dalla stalla. Corse e trovò la sua mucca migliore che si contorceva dal dolore. Con l’aiuto della moglie provò inutilmente ad alleviarle le sofferenze. Poi si ricordò del mantello: corse a prenderlo, lo stese sulla mucca e subito questa si alzò, guarita, e si mise a mangiare come se nulla fosse successo.

A quel punto Ismaele non ebbe più dubbi e disse a Eva: “Questo Mantello è un tesoro! Da quando sta con noi, siamo felici. Non dobbiamo separarcene nemmeno per tutto l’oro del mondo.” E così Ismaele decise non solo di condonare il debito a Giuseppe, ma di assicurargli forniture di legname gratis per tutta la vita. La moglie Eva aggiunse che avrebbe portato in dono al figlio di Giuseppe, Gesù, due agnelli e due colombe bianche come la neve, e a Maria olio e miele.

Mentre stavano preparando i cammelli per recarsi a Nazareth, arrivò correndo il fratello minore di Ismaele portando la notizia che la casa di loro padre stava bruciando. I due fratelli corsero precipitosamente e arrivati alla casa, tagliarono un pezzo dal miracoloso mantello e lo gettarono nel fuoco. Il fuoco si spense immediatamente, senza che forse versata una goccia d’acqua. La gente fu sorpresa di vedere il prodigio e benedisse il Signore.

Giunti a Nazareth, da Giuseppe e Maria, il vecchio Ismaele e sua moglie si inginocchiarono ai loro piedi e Ismaele disse: “Siamo venuti per ringraziare per gli immensi doni che abbiamo ricevuto dal cielo da quando tu, Giuseppe, mi hai lasciato il tuo mantello in pegno, e vorremmo poterlo tenere con noi, affinchè continui a proteggere la nostra casa, il nostro matrimonio, il nostro lavoro e i nostri figli.

Attraverso il tuo mantello sono guarito. Ero un usuraio, altero, dispettoso e senza coraggio; mia moglie era dominata dalla rabbia e dall’orgoglio: ora siamo persone diverse.

Tu non sei un uomo qualunque – aggiunse – ma un Santo, un Profeta, un angelo sulla terra. Ti portiamo in dono un nuovo mantello, dei migliori che si tessono a Sidone; a Maria tua sposa, portiamo olio e miele, e a Gesù tuo figlio, due agnelli e un paio di colombe”. E concluse: “Accetta questi poveri doni; disponi della mia casa, del mio bestiame, delle mie foreste, delle mie ricchezze, di tutto ciò che abbiamo, ma non chiedermi di restituirti il mantello”.

Allora Giuseppe gli rispose di tenere pure il mantello, e Maria aggiunse: “Sappiate che Dio ha stabilito di benedire tutte le famiglie che si mettono sotto il Manto del mio sposo. Non vi stupite per i prodigi operati; altri maggiori ne vedrete. Amate Giuseppe, imitatelo, parlate di lui ai vostri figli e sia questa la migliore eredità che lasciate loro nel mondo”.

Gli sposi fecero come Maria aveva detto loro, e vissero sempre felici e in pace, così come i figli e i figli dei loro figli, per tutte le generazioni.

Questo invito della Vergine Maria è valido sempre, anche oggi, e tutti siamo chiamati a tenerlo come un consiglio prezioso, da mettere in pratica.

APPROFONDIMENTO PER I PIÙ GRANDI

San Giuseppe, l'uomo dei sogni

Dal libro SAN GIUSEPPE – ACCOGLIERE, CUSTODIRE E NUTRIRE, di don Fabio Rosini.

Dove va a finire Giuseppe? perché non c’è più? Perché non abbiamo notizie ulteriori della sua avventura?

Niente, non una parola.

È proprio qui la sua grandezza. È tutto il libro che scalpito per dire la cosa seguente…

Domanda: qual è la missione di un padre?

Risposta: diventare inutile.

Badare bene: non essere inutile, ma diventarlo.

Qual è la meta dell’educazione? Facile: l’autonomia.

Quando termina un apprendistato? Quando si è appresa l’arte e la si può esercitare in proprio.

Il più grande successo di un padre? Che il figlio stia in piedi da solo, e sappia vivere senza bisogno di lui.

Se mi dicono che ho fatto bene una cosa è chiaro che mi fa piacere, ma se mi dicono che un mio collaboratore ha fatto bene una cosa, mi impettisco, e, ormai, invecchiando, mi commuovo.

Vedere un figlio diventare autonomo ed originale.

C’è da scoppiare di gioia.

Un educatore che tenga legato a sé colui che educa, è un egocentrico. La tentazione di mettere le grinfie sulla vita delle persone e impossessarsene è pericolosissima.

Su questo cedo la parola a Papa Francesco che introduce meravigliosamente le nostre tematiche finali:

Essere padri significa introdurre il figlio all’esperienza della vita, alla realtà. Non trattenerlo, non imprigionarlo, non possederlo, ma renderlo capace di scelte, di libertà, di partenze. Forse per questo, accanto al l’appellativo di padre, a Giuseppe la tradizione ha messo anche quello di “castissimo”. Non è un’indicazione meramente affettiva, ma la sintesi di un atteggiamento che esprime il contrario del possesso. La castità è la libertà dal possesso in tutti gli ambiti della vita. Solo quando un amore e casto, è veramente amore. L’amore che vuole possedere, alla fine diventa sempre pericoloso, imprigiona, soffoca, rende infelici. Dio stesso amato l’uomo con amore casto, lasciandolo libero anche di sbagliare e di mettersi contro di Lui. La logica dell’amore è sempre una logica di libertà, e Giuseppe ha saputo amare in maniera straordinariamente libera. non ha mai messo se stesso al centro. Ha saputo decentrarsi, mettere al centro della sua vita Maria e Gesù.”

0:00 / 0:00
L'ingrediente misterioso

Oltre al rosario quotidiano delle 8.15, nel mese di maggio vengono proposti 4 appuntamenti serali, alle ore 21, in zone diverse del quartiere, che possono anche diventare momenti di condivisione e amicizia.

Pre-iscriviti regolarmente alle settimane di Oratorio Estivo in cui vorresti fare l’animatore, seguendo la procedura descritta in questa pagina. Verrai poi contattato per il corso di Formazione Animatori.

Oratorio Estivo 2023

I Martedì... fuori!

Le escursioni sono parte integrante del programma di Oratorio Estivo per le medie: per chi non partecipa non sono previste attività alternative in oratorio. Il costo di ogni escursione e di €15.

  • Martedì 13 giugno

    Virtual Reality

  • Martedì 20 giugno

    Gita in montagna (S. Tomaso)

  • Martedì 27 giugno

    Parco Avventura (MI)

  • Martedì 4 luglio

    Parco di Monza

  • Martedì 11 luglio

    Idroscalo CUS (canoa)

Il programma potrebbe subire variazioni.

Oratorio Estivo 2023

I Giovedì special

Queste attività sono a costo zero.

  • Giovedì 15 giugno

    SI SELFIE CHI PUÒ!

  • Giovedì 22 giugno

    BICICLETTATA

  • Giovedì 29 giugno

    GANlimpiadi

  • Giovedì 6 luglio

    MANGA CLIMBING

  • Giovedì 13 luglio

    CACCIA AL TESORO

Consiglio Pastorale

Alessandro Bardelli
Angela Albini
Aurora Abbascià
Carlo Modica
Emanuela Bonaccorso
Fabio Perizzolo
Francesca Fontana
Franco Cella
Giuseppe Gallo
Luisa Elia
Marco Fiore
Marino de Stena
Miriam De Marinis
Palma Lovino
Paola Piacenti
Paolo Savino
Pier Paolo Citro
Simonetta Barbieri
Ugo Cavallaro

Vita da spiaggia, animazione ed escursioni via mare in una delle incantevoli località nelle vicinanze (Portofino, San Fruttuoso, ….) sono gli ingredienti di questa imperdibile vacanza. Il tutto in un contesto di “amicizia nella fede” che garantisce inclusività e attenzione all’altro.

La casa per ferie Ferienheim Fölserhof, immersa nel verde e dotata di tutti gli spazi e le attrezzature (inclusa la piscina) adatte a far vivere ai bambini una vacanza divertente e a contatto con la natura. Quest’anno i pullman possono raggiungere l’ingresso della struttura e parcheggiare nelle sue immediate vicinanze.

Attività Gruppo Certa Età

Iniziative in calendario fino a Dicembre 2023

  • mercoledì 18 ottobre

    Rosario con merenda

  • domenica 22 ottobre

    Torneo di Burraco

  • mercoledì 25 ottobre

    Pranzo dell'anniversario

  • mercoledì 8 novembre

    Gita culturale in centro

  • mercoledì 15 novembre

    Pranzo d'autunno

  • mercoledì 22 novembre

    Catechesi di Avvento

  • mercoledì 13 dicembre

    Confessioni di Natale

  • mercoledì 20 dicembre

    pranzo di Natale