18 novembre

San Giuseppe

tra REALTÀ e LEGGENDA

Sufo, il ricco negoziante che vendeva la tela sulla piazza di Nazareth, quel mattino lasciò la sua bottega e si recò dal falegname Giuseppe.

“Giuseppe – chiamò il mercante affacciandosi alla bottega del falegname –vengo a chiedervi la culla per il mio primogenito. Fatemi una culla degna d’un re, di buon legno pregiato, che duri, riccamente istoriata e decorata. Sapete che sono uno che può spendere!”.

Il giorno seguente Giuseppe si mise all’opera di buon mattino. Cercò un legno di cedro di buona vena verdiccia, forte, ma anche pastoso e docile ai ferri del falegname e ci lavorò tutto il giorno fino a tarda sera, perché aveva bisogno di quel guadagno.

La mattina dopo la culla era finita: Giuseppe l’aveva lavorata con grande amore. Per dondolarla sarebbe bastata la dolce melodia di una ninna-nanna. Giuseppe si recò alla bottega di Sufo con la culla. “Eccovi servito, messere Sufo. Maria m’ha dato i suoi consigli perché fosse fatta come piace alle mamme”.

Sufo osservò la culla e rimase molto male: non c’era segno di ricchezza in quel pezzo di legno! Era un giaciglio povero e meschino. E così Sufo scacciò Giuseppe dalla sua bottega.

Tornando verso casa con la culla, immerso in malinconici pensieri, Giuseppe si imbattè in Lisa, una donna molto povera, rimasta vedova pochi giorni dopo aver partorito un figlio maschio. La donna raccontò a Giuseppe di aver camminato tutto il giorno per cercare giunchi lungo il fiume. Voleva fare una culla per il suo piccolo, ma non aveva trovato che un piccolo fascio di rami marci.

Giuseppe non ci pensò due volte: “Prendete questa già fatta – le disse sorridendo dolcemente – Sufo, il mercante, non l’ha voluta. Il vostro bambino ci starà una meraviglia!”.

“Potessi pagarla, sì che la prenderei!”- rispose Lisa.

E Giuseppe: “Prendetela, Lisa, è vostra”. E le lasciò la culla sulla porta di casa senza aspettare né benedizioni, né ringraziamenti.

Lisa sapeva bene che Giuseppe non era meno povero di lei, ma la culla era così bella che non riuscì proprio a rifiutare.

E quella culla portò la gioia nella sua casa! Lisa, venuta la sera, vi deponeva il bambino e cominciava a cantare una dolcissima melodia. Quel canto si diffondeva nella contrada silenziosa e giungeva in tutte le case di Nazareth. Il vento ne trasportava l’eco lontano e lontano nell’oscurità della notte.

La voce di Lisa era limpida e serena. D’improvviso, però, il suo tono si faceva mesto e accorato, come se la donna fosse trafitta per un attimo da una punta di malinconia: nel suo cuore scendeva il pensiero che la sua felicità era costata un dolore al falegname Giuseppe.

Nel frattempo Sufo si era fatto fare la culla da un altro falegname: ricca, pesante e massiccia come un trono. La pagò un prezzo da capogiro e vi mise a dormire il suo bambino adorato.

Ma questa culla regale si dondolava a fatica e, muovendosi, faceva un rumore così sgradevole, da tenere sveglio il bambino, che continuava a piangere e strillare per tutta la notte.

Una mattina Sufo, non potendo più sopportare la tortura del neonato insonne e il cigolìo di quella culla, e vedendo come invece Lisa riusciva a far dormire beatamente il suo bambino, andò da lei e le disse: “Vi prego, datemi la vostra culla, vi pagherò quello che volete”. Ma lei gli rispose: “Come potrei vendervela senza offendere l’animo generoso di Giuseppe che me l’ha regalata? Non ci penso affatto!”.

Disperato Sufo andò da Giuseppe per ordinargli un’altra culla, ma Giuseppe era molto indaffarato in quei giorni, perché – grazie a Dio –  aveva ricevuto alcune ordinazioni urgenti e lavorava di buona lena. “Mi dispiace, messere, ma ne avrò per almeno una stagione. – rispose a Sufo che lo implorava – Abbiate pazienza se vi dico che non posso soddisfarvi subito”.

“E il mio bambino – sbuffò Sufo – dove lo metto a dormire?”.

Giuseppe gli rispose: “Potreste chiedere a Lisa di farlo dormire insieme al suo bambino. La culla è grande”.

Sufo seguì il consiglio di Giuseppe e tornò da Lisa.

“Se non volete che questo – disse la donna – portatemi il bambino questa sera. Il mio canto basterà per tutti e due”.

“A proposito – chiese Sufo – cos’è quella nota di dolore che turba ad un certo punto la dolcezza del vostro canto? Si sente che avete una spina nel cuore…”.

Ogni notte, mentre canto, – gli rispose Lisa – mi viene in mente che la mia gioia è costata un dolore al falegname Giuseppe. Il dolore che gli avete procurato voi rifiutando la culla che vi aveva costruito”.

Sufo comprese il torto che aveva fatto a Giuseppe, tornò da lui e gli disse: “Lasciate che vi paghi la culla, Giuseppe, visto che vi metterò comunque a dormire il mio bambino”.

Gli rispose Giuseppe: “Io già sono stato ripagato in ringraziamenti da quella povera vedova. E quei ringraziamenti sono diventati fonte di benedizione e fortuna per me. Farei un cattivo affare se scambiassi queste benedizioni con del denaro! Quella culla è speciale perché è la culla della carità. Non pagate me, ma prendetevi piuttosto cura di quella poveretta che non ha di che vivere”.

Dopo queste parole, Sufo decise di prendere in casa sua la vedova e il figlioletto, e le chiese di essere nutrice del suo primogenito. Quella notte i due bimbi dormirono placidamente nella culla di Giuseppe, insieme, dondolati dal canto struggente e dolcissimo di Lisa. Anche Sufo, finalmente, trovò sonno nel pensiero che la carità di un povero aveva riportato a lui, tanto ricco, pace e serenità.

APPROFONDIMENTO PER I PIÙ GRANDI

San Giuseppe, l'uomo dei sogni

Dalla Prefazione di Chiara Giaccardi al libro GIUSEPPE SIAMO NOI, di Johnnny Dotti e Mario Aldegani.

Il luogo comune è che San Giuseppe sia una figura scialba, sbiadita. Una comparsa, un accessorio. Un artificio retorico, perché qualcuno non pensasse che Gesù fosse semplicemente un figlio illegittimo. Il padre putativo, quasi disincarnato, del Dio incarnato. Un uomo senza voce, senza autorità senza personalità.

(…) E sotto questa luce nuova vediamo Giuseppe come veramente è: non sbiadito ma vicino. Non etereo ma concreto: uno di noi. Perché la sua storia è la nostra.

(…) Come lui anche noi siamo continuamente spiazzati da una realtà che segue altre strade rispetto ai nostri desideri, ai nostri progetti, a ciò che vorremmo essere. E che, piuttosto, ci mette continuamente di fronte a cose che non avremmo scelto. La reazione più comune: maledire o rassegnarsi, spegnersi.

Vuol dire che non abbiamo capito che la realtà ci pro-voca, ci chiama, ci fa uscire da noi stessi per aprirci orizzonti più grandi, che mai avremmo potuto disegnare con la nostra mano.

Come noi, Giuseppe è spiazzato. Come noi, la prima cosa che gli viene in mente è se le cose non sono come dico io, allora niente. Almeno, si preoccupa di cercare una via d’uscita civile.

Ma diversamente da noi, e qui viene il bello, lascia aperto uno spiraglio. Ascolta il sogno. È disposto ad accogliere una voce non sua, a lasciarsi guidare.

Il sogno è lo spazio di accoglienza del mistero.

La parola “mistero” ci dice ancora qualcosa?

Siamo capaci di lasciarlo, questo spazio, nella nostra vita?

Giuseppe ci mostra come fare.

(…) Giuseppe che traghetta Gesù senza che gli succeda nulla di male fino al momento della sua vita pubblica, Giuseppe che trova il modo di sfuggire i pericoli, che insegna a Gesù il mestiere che conosce, che lo cerca quando si perde. Giuseppe custode della vita. Vero marito e vero padre.

Uomo che non dimostra la propria virilità nell’affermazione di sé, ma nel custodire ciò che la vita gli ha consegnato. Nel trasmettere ciò che sa e nel lasciar andare, perché il figlio possa vivere la propria vita, portare a compimento la propria missione.

Giuseppe parla a tutti. E parla ai padri, che oggi ne hanno tanto bisogno.

(…) Ecco, il padre non è il padrone, ma il custode. Che si prende cura con tenerezza, nell’intimità, senza suonare le fanfare e farsi i selfie.

La vita di Giuseppe è stata umile e preziosa. Irrinunciabile. Come può essere la nostra.

Perché il vero padre apre il cammino con la sua parola.

A volte, con il suo silenzio pieno di amore.

0:00 / 0:00
L'ingrediente misterioso

Oltre al rosario quotidiano delle 8.15, nel mese di maggio vengono proposti 4 appuntamenti serali, alle ore 21, in zone diverse del quartiere, che possono anche diventare momenti di condivisione e amicizia.

Pre-iscriviti regolarmente alle settimane di Oratorio Estivo in cui vorresti fare l’animatore, seguendo la procedura descritta in questa pagina. Verrai poi contattato per il corso di Formazione Animatori.

Oratorio Estivo 2024

I Martedì... fuori!

Le escursioni sono parte integrante del programma di Oratorio Estivo per le medie: per chi non partecipa non sono previste attività alternative in oratorio. Il costo di ogni escursione e di €15.

Il programma potrebbe subire variazioni.

Oratorio Estivo 2023

I Giovedì special

Queste attività sono a costo zero.

  • Giovedì 15 giugno

    SI SELFIE CHI PUÒ!

  • Giovedì 22 giugno

    BICICLETTATA

  • Giovedì 29 giugno

    GANlimpiadi

  • Giovedì 6 luglio

    MANGA CLIMBING

  • Giovedì 13 luglio

    CACCIA AL TESORO

Consiglio Pastorale

Alessandro Bardelli
Angela Albini
Aurora Abbascià
Carlo Modica
Emanuela Bonaccorso
Fabio Perizzolo
Francesca Fontana
Franco Cella
Giuseppe Gallo
Luisa Elia
Marco Fiore
Marino de Stena
Miriam De Marinis
Palma Lovino
Paola Piacenti
Paolo Savino
Pier Paolo Citro
Simonetta Barbieri
Ugo Cavallaro

Vita da spiaggia, animazione ed escursioni via mare in una delle incantevoli località nelle vicinanze (Portofino, San Fruttuoso, ….) sono gli ingredienti di questa imperdibile vacanza. Il tutto in un contesto di “amicizia nella fede” che garantisce inclusività e attenzione all’altro.

La casa per ferie Ferienheim Fölserhof, immersa nel verde e dotata di tutti gli spazi e le attrezzature (inclusa la piscina) adatte a far vivere ai bambini una vacanza divertente e a contatto con la natura. Quest’anno i pullman possono raggiungere l’ingresso della struttura e parcheggiare nelle sue immediate vicinanze.

Attività Gruppo Certa Età

Iniziative in calendario fino a Dicembre 2023

  • mercoledì 18 ottobre

    Rosario con merenda

  • domenica 22 ottobre

    Torneo di Burraco

  • mercoledì 25 ottobre

    Pranzo dell'anniversario

  • mercoledì 8 novembre

    Gita culturale in centro

  • mercoledì 15 novembre

    Pranzo d'autunno

  • mercoledì 22 novembre

    Catechesi di Avvento

  • mercoledì 13 dicembre

    Confessioni di Natale

  • mercoledì 20 dicembre

    pranzo di Natale