Un progetto per la terza età…

Anche nei confronti dei nostri anziani è tempo di progettare e sognare. Pensando a loro vi confesso che non è stato facile mettere insieme un progetto. Fare un progetto, infatti, non è solo buttare giù nuove idee, ma anzitutto interrogarsi su chi si ha davanti e sulla sua storia, e parlando della nostra terza età, la storia non manca di certo!

Dopo anni di grandi esperienze di comunità, segnate da una grande attenzione pastorale da parte di don Fiorenzo, i nostri anziani hanno vissuto il cambiamento del parroco e proprio prima dell’inizio del Covid, importanti e tristissimi lutti hanno determinato la scomparsa di veri e propri pilastri della comunità. Dei quasi due anni di pandemia poi, non c’è nemmeno bisogno di parlare. Essi hanno segnato la vita di tutti, danneggiando soprattutto quella dei giovani e la loro: costretti a casa, rinchiusi nella loro solitudine, i nostri anziani hanno cercato di tirare avanti con le poche risorse che avevano, costretti a fare i conti con l’incertezza e la paura. Molti di loro sono morti, e sebbene la nostra comunità non sia stata così colpita, l’epoca in cui stiamo entrando ci restituisce una comunità molto provata e molto diversa.

Che fare dunque? Il primo pensiero che abbiamo avuto è stato quello di cercare di costruire una pastorale che facesse tesoro di tutta l’esperienza del passato, ma fosse capace di fare seriamente i conti con il presente.

Animazione
AMICIZIA, COMUNITÀ COMUNIONE

Per animazione, intendiamo tutte quelle attività che sostengono la vita comunitaria di una persona anziana alla ricerca di relazione e amicizia. La parrocchia, a partire dalle forze che ha, cercherà una corresponsabilità nell’animazione, chiedendo agli anziani stessi che hanno la possibilità di impegnarsi, che possano in qualche modo contribuire al benessere degli altri, evitando logiche di chiusura e di egoismo che portano a pensare solo al proprio.

La parrocchia non “deve” organizzare eventi fini a se stessi o al sollazzo dei partecipanti, ma desidera offrire occasioni di comunione e amicizia. Dal punto di vista educativo, sarà importante ricordare che gli anziani non sono “utenti” della parrocchia, ma persone che con essa camminano. Non sarà dunque mai fuori luogo chiedere un impegno, una corresponsabilità, persino qualche fatica che però mette in cammino.

Vivere la fede
CATECHESI E SPIRITUALITÀ

Per chi continua a “cercare” Il momento specifico per gli anziani è l’incontro settimanale del mercoledì a loro dedicato: una proposta che si declina in diverse esperienze di preghiera e catechesi: Rosario, Adorazione Eucaristica, Lectio Divina, Riconciliazione.

Questi appuntamenti si propongono di approfondire la fede di coloro che hanno vissuto nell’età adulta e desiderano continuare ora, una esperienza concreta di spiritualità. Oltre a ciò, anche diversi appuntamenti di preghiera sono ad essi dedicati, lungo tutto l’anno e soprattutto nei tempi forti di Avvento, Quaresima e Pasqua, oppure nei mesi mariani di ottobre e maggio.

I Sacramenti
LA GRAZIA PRESENTE

I Sacramenti ed in particolare l’Eucaristia sono il centro della vita cristiana. Gli anziani che sono ammalati e non possono ricevere l’Eucaristia, oppure gli ammalati che desiderano ricevere il sacramento dell’Unzione, devono trovare attenzione da parte della Chiesa.

Attraverso i ministri dell’Euca­ristia e con un periodico avvi­so sul Foglietto, cercheremo di raggiungere gli anziani infermi e comunque tutti gli ammalati.

In quartiere
NON SIAMO ISOLE

Il capitolo del Quartiere è molto importante e deve essere sem­pre oggetto della nostra atten­zione.

Se come abbiamo detto, la cura che una comunità offre ai suoi fedeli è essenzialmente pasto­rale, ovvero cerca di attirare a Cristo i suoi figli, non possiamo dimenticare che la Chiesa vive nel mondo e collabora con la so­cietà per il bene di tutti.

Sarà dunque nostra attenzione aprire le finestre non solo per­chè ci sia comunicazione tra la Chiesa che siamo e i fedeli, ma anche tra la Comunità cristiana e quella civile.

Pertanto, sia nella direzione dell’animazione, che della cura sociale dell’anziano, dovremo fare attenzione alle iniziative civiche e a quelle veicolate dal privato che opera nel cosiddetto “terzo settore”, per evitare di ri­durci ad iniziative asfittiche che ignorino o addirittura si ponga­no in competizione con quanto accade intorno a noi, proprio nel contesto civile e cittadino che abitiamo.

Le attività 2021-22

Lascia un commento

Iscriviti alla newsletter

Attività Gruppo Terza Età

Iniziative in calendario fino a Giugno 2022

  • Mercoledì 1 dicembre

    Adorazione eucaristica

  • Mercoledì 15 dicembre

    Pranzo di Natale

  • Domenica 19 dicembre

    Torneo di burraco

  • Mercoledì 22 dicembre

    Confessioni

  • Domenica 16 gennaio

    Torneo di burraco

  • Mercoledì 26 gennaio

    Pranzo "Tripudio d'inverno", a cura dello chef Maurizio

  • Domenica 20 febbraio

    Torneo di burraco

  • Mercoledì 2 marzo

    Pranzo "Sapore di coriandoli"

  • Mercoledì 20 marzo

    Torneo di burraco

  • Mercoledì 23 marzo

    Pellegrinaggio quaresimale

  • Mercoledì 6 aprile

    Confessioni

  • Mercoledì 20 aprile

    Pranzo pasquale

  • Mercoledì 11 maggio

    Grande gita di fine anno

  • Domenica 15 maggio

    Torneo di burraco

  • Mercoledì 25 maggio

    Pranzo di fine anno

  • Domenica 12 giugno

    Torneo di burraco